Riflessioni sui cambiamenti per il paziente stomizzato

Apri le braccia al cambiamento. Ma non lasciare i tuoi valori. (Dalai Lama)

La normalità viene stravolta, arriva uno tsunami: il Covid-19. Giunge violento, inaspettato, per alcuni versi spettrale, porta morte e sofferenza per i malati. Non vedi via d’uscita, non intravedi la luce in fondo al tunnel. Vuoi che tutto finisca il più presto possibile. Le giornate sono pesanti, i posti letto sono preziosi. Durante il turno di lavoro dai il meglio, senza riserve. Siamo in un contesto di guerra con un nemico invisibile che mai avresti pensato potesse mietere così tante vittime. La tua normalità consolidata, ma mai scontata, pronta agli imprevisti viene completamente stravolta. La tua professionalità diventa agli occhi della gente, atto eroico di grande coraggio, ma personalmente non la considero tale. Allora pensi: come posso aiutare gli stomizzati in questo contesto?

Il camice bianco diventa un’armatura che ti protegge e rende tutti uguali, irriconoscibili agli occhi del paziente. Tutti lavoriamo per il paziente affetto da Covid19 con un unico obiettivo: salvare la sua vita.

Ma il camice bianco dello stomaterapista è fondamentale per la persona con stomia che arriva in urgenza/emergenza per il covid-19. La priorità è la vita, mentre la stomia è secondaria a tutto, ma una volta stabilizzate le sue condizioni generali di salute la sua stomia ritorna nuovamente un aspetto da gestire. Ed è allora che lo stomaterapista entra in gioco e con la sua competenza risolve le criticità. La sua presenza è un punto di riferimento per lo stomizzato: avere il giusto dispositivo, gestire una stomia complicata che comporta l’utilizzo di accessori specifici e modalità di trattamento specifiche sono le problematiche per la quale lo stomaterapista spesso viene contattato.

Che dire delle persone con stomia che sono a casa e che non possono accedere in ospedale se sopraggiunge un problema?

Ti reinventi professionalmente, mantieni costanti contatti telefonici, fai sentire la tua presenza, ascolti i loro bisogni, fornisci consigli, accogli paure e preoccupazioni. Lo inviti a riscoprire hobby, consigli di leggere  e ascoltare della musica per trovare sollievo in questo momento in cui la pandemia ha sconvolto la vita di ognuno di noi.

In questo periodo particolare, con difficoltà a recarsi in ospedale per la gestione della stomia, ecco alcuni consigli pratici:

  • Tenere adeguata alimentazione e idratazione per una corretta funzionalità renale e intestinale
  • Mantenere corretto stoma care per prevenire complicanze stomali
  • Consultare la sezione parla con lo specialista della web App viverelastomia.it è utile per chiedere allo specialista consigli pratici per la vita quotidiana.
  • Contattare le associazioni pazienti per supporto sull’approvvigionamento dei dispositivi, per condivisione di esperienze e confronto per vivere meglio questo particolare periodo.

Mai come ora si vorrebbe un abbraccio, un contatto con chi ti vuole bene, ma per ora non si può fare!

Blog

Categorie
Archivio